il cruscotto bendandiano

alcune finestre del cruscotto bendandiano



ultima revisione il 11 aprile 2015

Il programma nasce per iniziativa personale durante i primi giorni dell'anno 2011 come software finalizzato alla ricerca delle congiunzioni planetarie per poi evolversi in una piattaforma che implementa e rappresenta in grafica animata gli elaborati ed ogni conoscenza acquisita delle teorie del geofisico di Faenza.

Da almeno un anno si era diffusa in rete la previsione, erroneamente attribuita a Raffaele Bendandi, di un terremoto che si sarebbe dovuto verificare a Roma l'11 maggio a causa di un allineamento dei pianeti Terra, Mercurio, Venere e Giove con Marte a pochi gradi di longitudine da questi.
Individuare nel tempo passato la medesima configurazione planetaria, per conoscere se in concomitanza si fossero o no verificati degli  eventi sismici rilevanti, era l'unico criterio adottabile per formarmi anzitempo un'opinione sulla previsione, in mancanza della teoria bendandiana che non fu mai divulgata dal suo autore.
Non considerai, né quindi valutai secondo le leggi newtoniane, le entità delle forze in gioco d'attrazione gravitazionale dei pianeti coinvolti, per seguire a prescindere la teoria dell'influenza planetaria, confidando in alcune considerazioni:

- La Luna e la Terra costituiscono un pianeta doppio, dato il rapporto fra le rispettive masse di circa 1/81, valore di gran lunga superiore a quelli analoghi relativi ai satelliti degli altri pianeti del sistema solare;
- il sistema Terra-Luna risente delle forze dei pianeti Venere, Giove e Saturno che perturbano la traiettoria del suo baricentro
- la Luna durante il suo mensile moto di rivoluzione fa volgere "velocemente" la congiungente baricentrica dei due corpi verso un insieme di pianeti variabile per numero e parametri orbitali nel corso di pochi giorni, talvolta di sole alcune ore
- ad oggi disponiamo di pochissimi elementi sulle proprietà della forza gravitazionale  1
- contrariamente a ciò che si potrebbe credere, l'interazione gravitazionale è la meno conosciuta fra le interazioni fondamentali  2

La funzione di ricerca individuò erroneamente solo la data del 5 aprile 1727 per la quale non mi fu possibile accertare l'attività sismica manifestatasi quel giorno, ma durante il perfezionamento dell'algoritmo e la lavorazione al cruscotto mi venne chiesto dalla dott.ssa Paola Pescerelli Lagorio di collaborare con l'associazione 'La Bendandiana' e l'Osservatorio Geofisico Comunale di Faenza, la casa-museo di Raffaele Bendandi.
Mi fu quindi possibile rendere il programma sufficientemente aderente alle teorie del geofisico autodidatta di Faenza.
Negli stessi giorni l'evento del Tohoku (Fukushima) indirizzò lo studio verso il Sole in quanto la data dell'11 marzo 2011 risultava in marcata evidenza sui fogli di previsioni dell'attività solare per l'anno 2011. L'elaborazione all'indomani delle 377 previsioni (1841 date) stilate dallo studioso per il periodo 1996-2012 non mostrò una sufficiente corrispondenza fra l'attività solare prevista e quella sismica terrestre registrata nel periodo Gennaio 1996/Febbraio 2011.
A riguardo, già Bendandi scrisse: "Ma quello che, al contrario, non è conforme al vero, è l'asserire che i terremoti  sono prodotti dal Sole e dalla sua attività, perché le commozioni telluriche sono il risultato di uno squilibrio gravitazionale prodotto dal sommarsi delle attrazioni di tutti i membri della famiglia planetaria, Sole e Luna compresi. L'azione del Sole sul meccanismo dei terremoti è quindi soltanto indiretta o secondaria, e lo dimostra il fatto che i grandi periodi di instabilità tellurica seguono di alcuni anni il massimo dell'attività del Sole".

L' 11 maggio 2011 si verificò un sisma atipico di intensità M5.1 nella località spagnola di Lorca ed il giorno precedente un terremoto di magnitudo 7.1 nelle Loyalty Islands della Nuova Caledonia. Il metodo previsionale dei terremoti bendandiano non si basa sugli allineamenti, ma questi rappresentano comunque le configurazioni di massima  concentrazione dei corpi planetari nella volta celeste.


Adriano Ballabene ,  febbraio 2015

La Teoria 'sismogenica' di R. Bendandi


L'Allineamento dell'11 maggio 2011. Report delle configurazioni simili del periodo 0-2150

L'Allineamento dell'11 maggio 2011. Report configurazioni simili, Marte escluso


1, 2 dalla pagina web dell' European Gravitational Observatory (EGO)
di
Cascina di Pisa (http://www.ego-gw.it/virgodescription/italiano/pag_1.html)





torna all'home page